corso AIMC

“I libri di testo: dal vecchio sussidiario al book in progress passando per la lingua inglese” con C.Venturini, S.Mercanti e G.Ballerini.

Lunedì 13 gennaio si è concluso il Seminario Pedagogico AIMC – UCIIM e IRC con una relazione sui libri di testo.

La dott.ssa Caterina Venturini, docente di sostegno c/o l’I.C. Massa VI, ha esaminato le caratteristiche di alcuni sussidiari pubblicati dalla Casa Editrice Bemporad-Marzocco tra il 1948 e il 1969. Dall’interessante comparazione dei testi è emerso come la religione cattolica rappresentasse in quella fase storica la disciplina fondamentale che permeava anche le altre materie con richiami moraleggianti o riferimenti etico-religiosi. I programmi Ermini (1955) infatti consideravano la religione “a fondamento e coronamento di tutta l’opera educativa”. I sussidiari presi in esame sono stati quattro:

“Il grappolo” (1948) – “Vallechiara” (1956) – “La via più bella” (1964) e “Come, quando e perché” (1969 a cura di G. Petter). Quest’ultimo è apparso il più moderno per l’uso di immagini accattivanti e un lessico più semplice anche se la religione cattolica continuava a occupare la prima parte del libro.

La Prof.ssa Simona Mercanti, docente di Lingua Inglese c/o la Scuola Secondaria di I grado “L. Staffetti” di Massa, ha trattato in modo snello ed esaustivo il cambiamento dell’insegnamento della lingua straniera negli ultimi decenni. Negli anni ’70 essa veniva impartita secondo procedure grammaticali e per contenuti; soltanto nel decennio successivo il suo insegnamento venne organizzato per obiettivi generali e specifici d’apprendimento. Attualmente la lingua inglese viene impartita secondo i principi pedagogici del curricolo per competenze. Questi cambiamenti programmatici sono stati accompagnati da un’evoluzione delle proposte didattiche un tempo pedanti per i continui esercizi grammaticali e oggi molto più accattivanti per le loro finalità comunicative calate in reali contesti ambientali. I testi moderni sia della scuola primaria che secondaria appaiono quindi molto più funzionali alla dimensione comunicativa e pratica dell’insegnamento della lingua straniera, arricchiti spesso anche da espansioni on-line.

La Prof.ssa Giovanna Ballerini, docente di lettere c/o la Scuola Secondaria di I grado “L. Staffetti” di Massa, ha spiegato in maniera agile e chiara cos’è un book in progress, come nasce, come si arricchisce nel tempo e le sue finalità didattiche e formative. Il suo scopo non è tanto quello di rendere il testo più semplice rispetto a quello delle case editrici quanto cercare di coinvolgere gli studenti in un lavoro attivo di integrazione e di ampliamento delle informazioni attraverso lavori di ricerca e di gruppo. Il book in progress quindi non è un testo fisso ma trasformabile nel tempo che consente anche l’abbattimento dei costi per le famiglie. E’ uno strumento agile, un prodotto laboratoriale, innovativo che valorizza anche aspetti e contenuti locali in riferimento alla storia e alla geografia. I ragazzi lavorano in gruppi cooperativi e appaiono più motivati all’apprendimento in quanto gli argomenti risultano più vicini ai loro interessi. Il book in progress presenta un documento iniziale, la linea del tempo, i focus e la sintesi degli contenuti trattati, il lessico specifico con le spiegazioni, le attività di riepilogo e i webquest ossia un’attività di ricerca che consente agli studenti di ricavare informazioni da Internet tramite un percorso guidato da domande.

Al termine è stato consegnato ai partecipanti un questionario di gradimento del Seminario con la richiesta di avanzare proposte formative che l’AIMC e l’UCIIM si impegnano a soddisfare nei limiti delle loro possibilità nei prossimi anni.

Pietro Sacchelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.